samsung s9

5 cose che ogni utente Android dovrebbe fare

  • 19 Giugno 2019

Uno smartphone Android non è solo uno smartphone. È un piccolo computer. Se vuoi usare al meglio il tuo smartphone Android, fai queste 5 cose. Non ti rubano molto tempo; non te ne pentirai (e per quale motivo dovresti?) e quasi certamente l’utilizzo del tuo cellulare Android sarà migliore.
Per questo ti diciamo: Buona lettura.

Proteggi il tuo cellulare Android

Ogni cellulare Android, anche quelli meno recenti, portano con sé un sistema di “difesa” per impedire che sconosciuti (ladri) possano mettere mano ai tuoi file e documenti (magari gli estremi della tua carta di credito?), oppure che lo rivendano con facilità.
Di solito uno smartphone Android offre diversi livelli di protezione: dal PIN, al segno, alla password (che offre una protezione elevata), all’impronta digitale (protezione ancora più elevata).
Ecco allora la prima cosa che dovresti fare: proteggere il tuo smartphone Android con l’impronta digitale (se la supporta), oppure in alternativa ricorrere a una password. Se il tuo dispositivo offre la protezione grazie all’impronta digitale: attivala all’istante. È semplice, veloce, e in seguito, lo sblocco del dispositivo, avverrà in un batter d’occhio. La password offre una protezione elevata solo se è:

  • lunga
  • contiene maiuscole e minuscole
  • racchiude numeri
  • presenta segni “strani” come: # – ç – @ – ? – & – %

Se la tua password per proteggere lo smartphone non racchiude tutti questi elementi, o almeno buona parte, esiste (da una parte), il rischio che sia facilmente individuata. Dall’altra, che tu te la dmentichi. Purtroppo le persone non hanno la pazienza di studiare una buona password e poi mandarla a memoria, quindi ricorrono a una sfilza di numeri (1234567891011121314); al proprio nome e cognome; col risultato di rendere il loro smartphone facile preda di malintenzionati.

Ma uno smartphone Android senza una qualche forma di protezione è una follia, ormai.

“sconto-trendevice”

Conserva l’IMEI in un posto sicuro

L’IMEI (acronimo di International Mobile station Equipment Identity), è un codice univoco che serve a identificare ogni dispositivo mobile. Di solito le persone ne scoprono l’esistenza dopo averlo perduto, oppure dopo un furto. Perché si richiede anche l’IMEI proprio per bloccarlo. E a quel punto ci si deve dare da fare (spesso inutilmente), per recuperarlo.
Ecco un’altra cosa da fare, appena lo smartphone Android è estratto dalla scatola: recuperare l’IMEI, trascriverlo su un pezzo di carta e poi conservarlo in un posto sicuro. Ma: dove si trova? Lo puoi trovare per esempio andando ovviamente nelle Impostazioni > Info sul dispositivo > Stato. Lì è presente proprio l’IMEI.
Un altro codice da conservare sempre in un posto sicuro? Esatto: il numero di serie del dispositivo Android. Lo trovi anche questo all’interno di questo percorso: Impostazioni > Info sul dispositivo > Stato.

Tieni disabilitata l’opzione “Sorgenti sconosciute”

In realtà molti affermano di attivarla e di prestare “solo” attenzione a che cosa si scarica.
Allora: sui dispositivi Android è disattivata per impostazione predefinita. Questo vuol dire che NON potrai installare applicazioni sul tuo smartphone Android al di fuori del Play Store di Google. Tutto questo per evidenti ragioni di sicurezza. Le app che trovi altrove (siti, forum, eccetera) potrebbero essere pericolose per la stabilità del dispositivo o, peggio ancora, “rubare” alcune tue informazioni personali. Ecco la ragione che spinge in tanti a mantenere l’opzione ben disabilitata. D’altra parte lo store di Google contiene un mondo di app, ed è quindi estremamente difficile che non ci sia anche quella che cerchi.
Per verificare che sia disabilitata (oppure: per disabilitarla): Impostazioni > Schermata blocco e sicurezza, quindi scorri verso il basso finché non troverai l’opzione.

Backup! Backup! Backup!

Esatto: devi fare il backup del tuo smartphone Android: senza alcuna esitazione. In caso di guasto (e sei costretto ad acquistare un altro dispositivo); o di furto (e sei costretto a comprare un altro smartphone Android); hai davvero voglia di scaricare tutte le app che avevi sul primo, e riconfigurarle? Hai così tanto tempo da gettare? Ti va sul serio di dover impostare da capo ogni aspetto del tuo smartphone, dallo sfondo della Home alla disposizione delle app? Non credo. Ecco perché devi fare il backup adesso! E farlo di frequente: ma come si fa il backup?

Leggi allora il nostro articolo:
Come fare il backup sui dispositivi Android.
Ma anche: Come fare il backup su Android con Google.

Attiva lo Smart Lock

Abbiamo spiegato qualche paragrafo fa quanto è importante proteggere il proprio smartphone Android con una buona password, un PIN oppure l’impronta digitale. Infatti è un’ottima abitudine.
Però il tuo smartphone porta con sé la funzione “Smart Lock”; che è geniale. Perché permette di mantenere ildispositivo sbloccato, sempre, se si è in un posto specifico (casa propria, per esempio). Ma lo sblocco avviene anche quando vicino sono stati rilevati dei dispositivi attendibili.
Come si attiva lo Smart Lock?
Vai in Impostazioni > Schermata blocco e sicurezza > Impostazioni blocco sicuro. Scorri verso il basso e troveraiq uello che ti serve: Smart Lock. Tocca la voce, inserisci la tua password e a questo punto potrai:

  • tenere sbloccato il dispositivo quando è a contatto con il tuo corpo
  • sbloccarlo quando si trova in “Luoghi attendibili” (casa; o il tuo ufficio; puoi indicare più di un luogo attendibile)
  • sbloccarlo quando un dispositivo attendibile è nei dintorni
  • o ancora, quando riconoscerà la tua voce
“sconto-trendevice”

Vuoi 15€ di Sconto per acquistare su TrenDevice? Lascia l’email per ricevere il coupon.